lunedì 21 gennaio 2008

L'ascesa dell'Individualità




Questo post è davvero unico per due motivi: è il primo che scrivo su Beppe Grillo ed è anche il primo che scrivo su richiesta di Davideb che mi ha chiesto di scrivere qualcosa a proposito di un articolo (leggilo qui) che riguarda appunto Beppe Grillo e sul quale voleva qualche parere... Lo ringrazio vivamente e rispondo alla sua richiesta, sollecitando tutti voi a fare come lui, a inviarmi cioè temi e\o articoli su cui volete qualche approfondimento... Non so quanto di interessante ci troverà Davide su questo mio intervento, ma ci metto il massimo del mio impegno...
Allora, piccola parentesi su Grillo... Ho conosciuto il suo blog Nel 2006 e ho piano piano cominciato a seguirlo con attenzione, senza però coinvolgimento personale nelle sue iniziative, ma semplicemente come fonte di informazione... Ultimamente non sto apprezzando tantissimo il suo ormai noto modo di porsi, ha ragione in ciò che dice, ma mi ricorda tanto la nascita dei totalitarismi (che sono nati dal sollevamento delle masse basndosi sul malcontento popolare)... Ci vorrebbe più moderazione!!! Comunque, tornando all'articolo, dice in breve che Grillo ha un'immagine mediatica molto fruttuosa, gestita da una società chiamata "Casaleggio Associati" e io fin qui, vabbè non apprezzo che Grillo faccia pagare 30€ per i suoi spettacoli quando dice di parlare al popolo (e quella parte di popolo che non se lo può permettere?), niente di strano o di male, tutti si appoggiano a case editrici e e diritti d'autore (esistono i diritti d'autore anche sulle opere di Shakespeare, che è morto da ormai 4 secoli ma vebbè, altro discorso questo)! La storia della società anche è interessante, Grillo nella mappa del potere si è dimenticato di inserire l'intera società, ma il punto interessante secondo me è più giù, dove si parla delle varie attività di Grillo e i loro scopi... Il redatore denuncia che Grillo abbia smesso di parlare di temi come il debito pubblico (non è vero perchè nello spettacolo "incantesimi" ne parla) e accusa che sue iniziative "portate avanti grazie alla consulenza di aziende specializzate - fanno estremamente comodo, perché il vero e unico problema che ha il Potere è il risveglio della coscienza delle Individualità. Persone libere di pensare, sentire e agire, indipendentemente dagli insegnamenti e dalle dottrine di un qualsiasi messia o maestro di vita, sono veramente pericolose!" Su ciò ho dei pro e dei contro... Allora partiamo dai pro: Grillo è il grillo parlante (scusate il gioco di parole) della nostra malsana società, colui che quotidianamente denuncia attività illecite, sprechi, malavite e si preoccupa di informarci su tutto quello che i giornali corrotti non ci vogliono dire e questo credo sia utile e costruttivo. Passando ai contro, mi accorgo che questa affermazione non è del tutto errata, perchè è vero che Grillo vada in giro predicando la Libertà, ma c'è mai una contro parte ai suoi dibattiti, ai suoi spettacoli? Rilascia mai dichiarazioni che vengono smentite sul momento? No... negli spettacoli fa dei lunghissimi monologhi di 2 ore e mezza, nelle assemblee lo stesso monologhi che poi altri dovranno appoggiare (al consiglio europeo ad esempio o al CdA telecom), rilascia interviste solo sul blog dove un determinato personaggio lo intervista e non esiste alcuna controparte che lo possa contestare... Non parlo tanto di ciò che dice dunque, sul quale si può essere d'accordo o meno, ma sul modo che ha per dirlo, gli insulti, i nomignoli le minacce, credo che infondo possano giovare alla sua immagine perchè ditemi la verità, a parte il V-day dell'8 settembre, quante sue iniziative sono andate in porto? E' il meet-up che lo fa, ma di grillo usa l'immagine e l'idea, lui non si espone mai in prima persona nei consigli comunali o regionali, fate attenzione... Non c'è mai controparte quando parla... Mai una volta in televisione a confrontasrsi con qualche politico, mai una volta che riporti nel blog qualche contestazione che ha magari trovato costruttiva... Allora questa non è più democrazia dal basso, o meglio lo è ma è pericolosa perchè noi siamo tutti sullo stesso livello, ma lui spicca, con questa forza carismatica, comico-oratoria che padroneggia, è un livello sopra il nostro... Vi ricordate la storia di Benito Mussolini, Robespierre, Franco, Lenin e poi Stalin? Tutti magnifici oratori, che imbalsamavano la piazza con dei bellissimi discorsi oratori, che non potevano essere contraddetti (come fai a dire ad uno che dice: Toglierò l'imposta sulla farina o vinceremo la guerra in cui stiamo prendendo parte, a dire "no non è così stai sbagliando"?) e non solo per quello che dicevano ma anche perchè non esisteva nessuno che poteva dire io penso diversamente, erano i migliori nell'oratoria... Ecco dunque quello che critico di Grillo, che si confronti, che dibatta e discuta con chi è dentro ciò che critica... Si eleva come un Messia e un Salvatore (e io condivido ciò che dice ripeto) ma ce n'è già stato uno così e ci basta... Si metta in gioco se è vero quello che dice, dimostri di saperlo cambiare questo mondo se è capace, si metta con un'assemblea a discutere con la gente, inviti ospiti che la pensano diversamente alla sua quando parla, perchè così è troppo facile ed è una strada che non dico che porterà alla dittatura di Grillo, ma che oggettivamente non porta molto lontano!!!
Questa è la mia opinione, spero che Davide possa trovarci quache spunto per farsi un'idea più forte e vi prego di lasciare qualche commento per lui, cosìchè conosca anche l'opinione di voi tutti che leggete!!! GRAZIE
Posta un commento