lunedì 5 maggio 2008

Mille splendidi soli



Ho deciso di cambiare un pò... Non so se vi ho mai consigliato questo sito www.anobii.com. E' un sito bellissimo, è una libreria virtuale in cui ognuno di voi può inserire i suoi libri preferiti, votarli, commentarli e scambiare opnioni con una community di migliaia di persone e scambiarsi così idee su questo fantastico mondo che è la lettura... Potete addirittura inserire tramite il codice a barre la copertina del libro... E da questo sito mi è venuta un'idea... Una volta ogni tanto, anzichè tartassarvi la testa con le solite notizie di politica o di ingiustizie sociali, ogni tanto vi proporrò un libro che a me è piaciuto, proverò a farvi una breve recensione con un breve commento personale in modo tale da suscitarvi un pò la curiosità di andare almeno a vedere questo libro di che parla più approfonditamente... Parlare dei libri non è facile, si cade nel giudizio soggettivo, ci si lascia trasportare e coinvolgere emotivamente e tutto dipendendo dal gusto rischia di restare incompleto o poco preciso, ma farò del mio meglio x cercare di essere un buon piccolo critico... Prima che mi dimentichi, se volete potete propormi anche voi dei libri che vi piacciono, io li leggerò e ne discuteremo così la cosa avrà un doppio vantaggio... ci sono i commenti x farlo o se preferite la mia email che trovate a sinistra...
Come primo libro vorrei proporvi un romanzo davvero toccante e commovente... L'autore forse lo conoscete già e credo pure il romanzo perchè ha avuto davero molto successo Kaled Hosseini "Mille splendidi soli"... Non è facile parlare di questo testo perchè tocca in primo luogo un tema davvero delicato e importante come la condizione femminile in medio oriente e in secondo luogo perchè com vi ho già detto ho paura di tralasciare qualcosa... é la storia del destino incrociato di due donne, nemiche-amiche spose di un uomo miserabile (per l'ethos di noi occidentali) che lottano per la vita e il loro futuro tutto da costruire, giorno dopo giorno, muro dopo muro. Come sapete l'afghanistan non è una terra facile ora che è in "democrazia" figuratevi x una donna ai tempi dei Talebani. Le donne erano e secondo me non si sono allontanate poi così tanto da questa condizione un livello inferiore alle bestie, Mettere una tela (il burka) sul volto di una donna è l'atto di mutilazione peggiore al mondo, togliere il sole alla sua terra, è questo il significato che io prsonalmente dò al titolo... E' inutile che vi stai a fare finte condanne che tu sappiamo ad un mondo diverso dal nostro, la cultura impone l'etica e l'etica è MOLTO FALSATAMENTE derivante dalla religione! La condizione umana in uno stato etico noi italiani e tedeschi meglio di altri sappiamo i mali che porta, il riconoscimento intrinseco di valori in una comunità che racchiude tutto il popolo è unallimento totale, il mondo è nato singolare forse, ma è più plurale delle stelle e dei granelli di sabbia, ma questo lo dico io, lo diciamo noi uomini educati al risetto e alla convivenza, figli di una storia insegnante e fautori di un futuro (ancora in atto in quanto futuro) forse sempremigliore e non credo sia così facile per le persone di quei mondi così lontani, così diversi pensarla così... Si cerca forse ancora di realizzare quello che Mussolini, strumentalizzando un concetto hegeliano, chiamava Stato ovvero l'ultimo atto della libertà umana, parte viva nell'animo umano, regolatrice e condottiera di menti appiattite e subdotte al volere di uno o un gruppo... Io non sono di quelli che dicono: noi siamo il bene e gli altri il male, ergo devono fare come noi... Io non volio esportra ela democrazia percè la democrazia va bene a noi essendo nati in una forma ideaizzata di stato demcratico, ma queste persone non sanno neanche cosa sia, 2500 anni fa quando il nobile persiano Otane che proponeva per la Persia il governo democratico fu zittito dal futuro re Dario (Erodoto, Storie) che appunto avanzava durante questo dibattito su quale forma di governo fosse migliore per la Persia la sua opinione filomonarchica, fu messo un chiaro paletto evidentemente al concetto propriamente europeo di democrazia per i governi di quella regione orientale... Per loro andrà meglio forse l'oligarchia, o l'aristocrazia o la monarchia, non lo so questo, l'importante è che comunque io e te siamo diversi e uguali allo stesso tempo... Diversi davanti al mondo uguali davanti alla legge! Le vicende e la storia che ha condotto quegli uomini a pensare così, quel destino tanto (sempre per noi) avverso per i poveri abitanti del medio oriente forse sono troppo complesse per noi da comprendere anche se ce le spiegano con opere d'arte come questo libro, vi invito a porvi questa domanda al termine del libro: Perchè tutto questo?
Perchè l'opera finale del creato di Dio deve essere trattato in questo modo?
Eccovi molto in sintesi e forse poc argomentata la mia visione su questo libro che adoro e vi consiglio se ancora non l'avete letto... Avete visto il potere di un libro di trarre fuori una discussione così accesa e viva come la questione medio-orientale? Spero che questa mia iniziativa risulti vincente e utile per tutti...
Posta un commento