mercoledì 16 marzo 2011

Buon Compleanno Patria



Come si fa di questi tempi ad essere in festa? Con che gioia posso dire di essere contento di quello che domani ricorre se in Libia un dittatore infame stermina il suo popolo nel silenzio di tutta Europa e degli Stati uniti, così come in Costa d'Avorio, nello spregiudicato silenzio dei Mass Media e dell'opinione pubblica, se in Giappone continua a crescere il numero di vittime e dispersi per questo apocalittico disastro che ha colpito il fiero e glorioso popolo figlio dell'onore perduto dei Samurai, se in questo Paese, di cui domani, 17 Marzo 2011, ricorre il Centocinquantenario dalla Proclamazione dell'Unità Nazionale, le aziende continuano ad essere nella peggiore delle crisi, se il governo se ne sbatte della disoccupazione, della salute, della cultura, dell'ambiente, dell'energia, delle istituzioni, del rispetto, dell'onore?!?!
Come faccio a dire di essere fiero di essere Italiano? Come faccio a riconoscermi nei miei connazionali che il sabato sera (e anche gli altri giorni) si schiantano ubriachi e drogati ammazzando gente innocente, che negano l'accesso e insultano chi fugge da una guerra, dalla fame e dalla persecuzione, che guardano il Grande Fratello, Emilio Fede, il TG1, e tutta la televisione, che non hanno interesse a vedere questo Paese splendere e risorgere da anni di buio profondo, che pensano solo a se stessi e a ciò che possono avere oggi??
Perchè se associo il mio sentirmi Italiano a quello di Berlusconi, Alfano, Ghedini, Tremonti, Tronchetti Provera, Geronzi, Moretti, Bassolino, Lombardo, Miccichè, Capezzone, Ferrara, Lele Mora, Fabrizio Corona, Santanchè, Nicole Minetti, Scillipoti, e potrei andare avanti per kilometri, io domani brucerei il tricolore e sarei fiero di andare in galera per questo (non come Bossi che viene graizato dopo averci sputato sopra e aver detto che ci si sarebbe pulito il culo)...
Per non parlare di tutti i leghisti...
E invece no... Io domani festeggio il mio Paese e ne vado FIERO!!!!
Perchè penso e mi beo, sì, mi beo e ci godo, di essere un discendente di Cicerone, di Augusto, di Marco Aurelio, San Francesco e San Tommaso, Nicolò Macchiavelli, Galileo Galilei, Leonardo Da Vinci, Michelangelo, Raffaello Sanzio, Bernini, Brunelleschi, Lorenzo de Medici, Dante Alighieri, Petrarca, Boccaccio, Foscolo, Leopardi, Colombo, Vespucci, Marco Polo, Verdi, Vivaldi, Cavour, Mazzini, Mameli, Giolitti, Togliatti, Gramsci, Matteotti, Lussu, De Gasperi, Einaudi, Berlinguer, Moro, Pertini,Falcone, Borsellino, Ciampi, Prodi, Saviano, Roberto Benigni!
Ecco...ecco perchè io domani festeggerò il Tricolore e il mio Paese, perchè in ogni tempo, in ogni epoca, nei momenti peggiori, Il mio Paese, la mia Terra, la mia Patria, ha saputo dare la vita a persone come queste.

BUON COMPLEANNO ITALIA

Posta un commento