sabato 25 maggio 2013

La Politica è uno strumento per il Bene Comune

La politica è uno strumento!
Io penso che fare politica voglia dire servirsi delle istituzioni, dei collegamenti, delle infrastrutture e delle potenzialità di raggiungere persone ed obiettivi per un fine più alto... il bene comune!
Definire il bene comune sembra semplice, ma se tutti coloro che oggi facendo politica pensano di fare il bene comune, o mentono o non sanno di cosa parlano!

C'è chi fa politica per la propria gloria, c'è chi fa politica perchè lo vede come un mestiere, c'è chi fa politica per aggiungere delle medagliette sul petto, come se occuparsi sulla carta di qualcosa che coinvolga tutti possa essere un merito a prescindere dai risultati ottenuti!

Io mi sono avvicinato alla politica da semplice "militante" circa sei mesi fa, sono un neofita, ai dinosauri potrei apparire come colui che "sei appena arrivato, stai zitto e mettiti da quella parte"! L'ho sempre seguita, ora vorrei partecipare!
Se pensate alla condizione oggi della politica italiana e una cosa raccapricciante, non perchè io meriti di essere tenuto sul predellino, ma perchè le forze fresche che arrivano sono considerate carne fresca inesperta che prima di poter dare un contributo deve imparare cosa sia l'apparato, lo deve sposare, deve farsi un'immagine al suo interno gradita a chi lo nutre e poi, forse, potrà iniziare a dare il proprio contributo!!!
E questo è lo specchio di cosa voglia dire fare politica oggi in Italia. Se ti rivolgi a un partito vivi questo, se entri in un Movimento ti accerchia l'anarchia e i litigi sempre pilotati da un vertice che attanaglia e controlla.

Nella vita un uomo deve sempre scegliere cosa fare del tempo e delle capacità che ha e che gli son state generosamente donate e non c'è niente di più onorevole che chinare il capo e servire il bene comune, umilmente, nel silenzio delle insoddisfazioni, dei grazie mai ricevuti, delle male parole e degli insulti, delle ostilità di chi anzichè darti una mano ti combatte, ma con lo spirito vincente di perseguire qualcosa di più grande di noi!!
E si può scegliere di arrivare a questo fine in milioni di modi... uno di questi è la politica (da polis, la città greca che era una comunità più che una città) che si fa mezzo a nostro servizio.

E a che serve inoltre porre veti su veti semplicemente per il colore politico che si indossa? Perchè non dovrebbe esistere un dialogo inter-partitico e tra persone che hanno lo stesso obiettivo, ma che magari propongono soluzioni diverse? Una cosa che soffro particolarmente è lo snobbismo di chi si sente cultore del vero e in possesso dell'assoluto, che chiude le porte a chi al posto di A dice B e che non ascolta perchè se chi parla ha qualcosa di buono da dire allora sarebbe sotto la sua stessa bandiera. Il mondo è fatto di persone, le persone son tutte diverse, nessuno ha un'idea identica alla mia, possiamo avere idee che si avvicinano e quale migliore e più grande ricchezza quella della diversità che si può sfruttare per completare ciò in cui crediamo? 
Adoro circondarmi di persone che la pensano diversamente da me, mi piace molto di più che parlare con chi so che ha le mie idee, perchè mi piace il confronto, il dialogo, mi piace poter avere l'opportunità di conoscere qualcosa di più e poterla integrare con le mie idee e le mie conoscenze... ecco, vorrei che la politica fosse anche questo, dialogo con chi la pensa diversamente!
Ovviamente il dialogo dev'essere costruttivo, oggi le urla e gli insulti la fanno da padrone... bisogna lavorarci su!

La dedizione al prossimo è la missione che ogni politico dovrebbe avere, nessuna gloria, nessun vanto, nessun merito... Per ogni obiettivo perseguito dentro di noi deve covare il fuoco della felicità e con quel fuoco dobbiamo sempre a testa bassa puntare al prossimo obiettivo e farlo ancora nostro!
Non amo che si celebra, non amo che si compiace di ciò che fa, non amo che millanta cariche e successi (magari non perseguiti da lui) perchè l'energia per parlare e vantarsi è energia tolta a chi ha bisogno di aiuto!!
Farò politica?? Non lo so, non sta a me deciderlo, intanto voglio conoscere la gente, il mondo, capire cosa posso fare e come posso riuscire a farlo. Continuerò senz'altro a seguire la politica, a provare a dire la mia... Quando saprò come funziona là fuori allora forse deciderò se questa potrà essere la strada che vorrò percorrere per dedicarmi silenziosamente agli altri... Non sogno gloria, non sogno denaro nè cariche, sogno un mondo unito e più giusto in cui se allungo la mano trovo quella del mio vicino pronto a farsi carico con me delle mie difficoltà!
Posta un commento