martedì 25 novembre 2008

Intoccabili??


Domenica in India un ragazzo di 15 anni è stato barbaramente ucciso sotto gli occhi della madre per aver scritto una lettera d'amore ad una ragazza di casta superiore. Lui era uno degli "intoccabili", una casta di ultimo rango e dunque, come tale, impossibilitato a entrare in contatto con gli altri cittadini di casta superiore! Manish Kumar si era semplicemente innamorato di una ragazza, come tutti i ragazzi della sua età e aveva deciso di scriverle una lettera ad Agosto, in cui le dichiarava il suo amore! Pochi giorni fa il padre della ragazza scopre la lettera e per il giovane è la fine! La madre che chiedeva pietà con tutto il fiato che aveva in gola, ha visto suo figlio morire sotto un treno, gettato di peso come "punizione" per quel suo gesto così innocente, così "sfrontato"... Manish ha vissuto, così come tutti i ragazzi indiani vivono, in un'epoca in cui anche se la divisione in caste è stata abolita per legge da ben 50 anni, nella cultura della popolazione vive ancora, indenne alle leggi positive che la superano, quasi come una legge trascendentale che regola la vita di quelle persone... Il termine "intoccabile" significa proprio che non può essere toccato, nessuno deve entrare in contatto con questi esseri inferiori, e anche se lo Stato sta cercando di venire incontro a costoro, la gente preferisce continuare a non averci niente a che fare! Vivono ghettizzati nei confini delle grandi metropoli, è insolito vederli girare nelle città insieme ai "superiori", sono quelli ai quali Madre Teresa di Calcutta ha dedicato la propria vita e il proprio lavoro. Sono coloro che in un tempo in cui la schiavitù e il servilismo sono stati debellati, vivono sottomessi al pregiudizio e alla infida cultura di chi ancora non si arrende al progresso, di che chi ancora vuole conservare i propri privilegi, perchè se su 1 miliardo di persone quasi la metà sono "intoccabili" (Paria), sarebbe un disastro vedersi togliere da sotto il naso agevolazioni e "servi" che lavorano e muoiono come bestie per il progresso del paese! Già perchè se l'India è oggi un Paese che ormai sta uscendo dai cosìdetti PVS (Paesei in Via di Sviluppo) per diventare una grande potenza mondiale, lo deve anche a queste pesone che lavorano i campi quando possono, che pascolano il bestiame, che sono il carburante di questa grande macchina! C'è infatti chi si approfitta di questa cultura, chi sfrutta il fatto che siano considerati peggio delle bestie (le mucche sono sacre, gli uomini muoiono se uccidono le mucche e se le mucche uccidono gli uomini sono idolatrate) facendoli lavorare anche come lavapanni nei fiumi o "spazzini"... Manish era uno di questi, si era però innamorato, l'errore fatale che gli è costato la vita... Pensiamo oggi alla recessione, al PIL che sale solo dell'1,8% anzichè del 3.2 e in Paesi con cui concorriamo per il primato economico mondiale, il 15enni vengono trucidati se si innamorano di chi non "devono", se sbagliano a vincere il pregidizio, se sbagliano ad andare oltre...
Posta un commento